Cover Wise Assicurazioni
4.5 C
New York
sabato, Febbraio 24, 2024

Buy now

coverwisecoverwisecoverwise

Maria Valentini, la “Miss Racing” dal fascino tenebroso

Nel 2020 vinse il premio “Miss Racing”, Maria Valentini venne scelta tra 300 bellissime ragazze e nello stesso anno, con il suo stile, diventò una delle “Suicide Girls”. Maria, che è una mamma a tempo pieno, oltre alla moda si occupa anche di musica. Fare un disco metal è il suo primo obiettivo ma tra una nota e l’altra posa per degli shooting e fa da ragazza immagine nei locali riscontrando un certo successo anche sui social.

Sei una “Suicide girls” ma effettivamente quali sono le caratteristiche di chi fa parte di questa categoria?

“Ho iniziato a far parte delle “SuicideGirls” nel 2020. I requisiti per entrare a far parte di questa community di ragazze sono l’ aspetto alternativo, dallo stile dark, punk , capelli colorati e tatuaggi che ricoprono il nostro corpo. Nasce come ribellione ai canoni estetici delle classiche modelle e sono molto fiera di farne parte”.

Hai diversi tatuaggi cosa ti ha spinto a farli? Per te è una questione di moda, cultura  o semplicemente un segno che vuoi lasciare?

“Io considero i miei tatuaggi come una parte di me, raccontano la mia storia, la mia vita, il mio presente e le mie speranze. È il mio
modo di esprimere me stessa”.

Quali sono i tuoi obiettivi futuri? Dove ti vedi tra 20 anni?

“Uno dei miei più grandi sogni è riuscire ad esprimermi attraverso la musica, come già detto prima oltre ai tatuaggi, la mia voce è un altro modo di esprimere me stessa. Attualmente sto collaborando con un’etichetta discografica per incidere un album Metal che uscirà a breve. Ma il mio obiettivo principale è cercare di essere una buona madre per mio figlio”.

Nel 2020 sei stata Miss Racing com’è stata l’esperienza?

“Nel 2020 ho vinto il concorso di Miss Racing champions Challenge al Mugello ed è stata una bellissima esperienza a cui ho voluto partecipare con molto entusiasmo, anche per mettermi un po’ in gioco. Mai pensavo di arrivare prima su 300 ragazze che insieme a me hanno partecipato all’ evento”.

Quali sono le difficoltà che incontri spesso in questo campo?

“La difficoltà maggiore è quella di non perdere mai sicurezza in me stessa e di mettere passione in ogni cosa che faccio”.

La tua occupazione primaria è la moda o fai anche altro?

“Ho un “contratto 24h a tempo indeterminato “ come mamma! Lavoro come ragazza immagine e ballerina nei locali e da qualche anno ho deciso di coltivare la mia carriera da modella e concentrarmi su questo obiettivo!”

Sembra che oggi non ci siano più delle rigide richieste come una volta che portava molte ragazze ad alcuni problemi come l’anoressia. Tu cosa ne pensi?

“Diciamo che il mondo della moda nelle grandi firme ancora oggi predilige degli stereotipi molto ben precisi, ma vivendo nel 2023 diciamo che oggi come oggi la filosofia di vita che dovrebbero abbracciare tutti è “accettarsi per come si è e non per come gli altri vogliono che io sia” l’anoressia è stato e sarà sempre uno dei problemi che attanaglia le ragazze al giorno d’oggi, soprattutto alle ragazze che si affacciano a questo mondo. Ma ci sono davvero un infinità di modi per sfondare nel mondo della moda che non per forza debba finire nello scarico di un sanitario. Il mio consiglio è di mantenere il corpo con una giusta alimentazione e tanta attività fisica che pratico giornalmente”.

I social invece oggi quanto sono importanti?

“I social sono oggi più che mai “l’anima del commercio”! La gente ne è così tanto influenzata che a volte basta poco per essere odiati o amati da tutti. Bisogna stare molto attenti ai messaggi che si vuole lanciare. Io personalmente uso i social come mezzo di pubblicità per il lavoro che faccio e per valorizzare il mio personaggio, e non per ciò che sono. La Vita reale è tutt’altra storia”.

Credit photo: Ghiselli Michele
Credit photo: Ghiselli Michele
Credit photo: Ghiselli Michele

Related Articles

Stay Connected

0FansLike
3,913FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles